Skip to content
febbraio 27, 2006 / Climacter

Epistolario Transgender

Corrispondenze d’ammorosi nonsensi, a cura di -marika- (nel ruolo di Alfonso) e Climacus

Mio adorabile Alfonso
Ho sempre desiderato conoscere un uomo che, coniugando gli insegnamenti della nonna alle moderne tecnologie, sappia ricavare, come te, conserve polpose e ghiotte marmellate dal duro lavoro degli aratri e dei buoi. Ti immagino forte e delicato allo stesso tempo, con il viso solcato da morbide rughe e la pelle eburnea, le spalle possenti e mani scabre, dalla presa sicura, capaci di stritolare e accarezzare i dolci pendii che, digradando amorevolmente, portano alle valli di terra nera e fertile che il mio corpo serba per chi sa coglierne l’aulente bellezza.

 E tu, Alfonso, sornione come il micione che ti rappresenta nell’avatar, tu che hai intravisto sensibilità e candore sotto il velo della mia aggressiva beltà ignuda, sei la persona adatta per suggere il miele secreto dall’anima mia pudica e dalle ghiandole che scandiscono il flusso segreto delle mie corporee voglie.
Il mio nome è Terese (non pronunciare l’ultima e, se non vuoi che ti fulmini con lo sguardo :P), amo leggere e, soprattutto, amo scrivere endecasillabi: un giorno ne scrivo uno su un foglietto, il giorno dopo ne scrivo un altro, su di un nuovo candido foglio, e così proseguendo, non appena giunta al novantanovesimo endecasillabo, spargo e mescolo i miei versi come fossero magici tarocchi, li dissemino sul pavimento, rimesto ogni foglio e, infine, come una baccante pienamente appagata che ancora ode la sinfonia di orgasmi che l’ha appena squassata fin nelle viscere, colgo i miei versi, proprio come fai tu con i pomodori (siamo così affini, mio Alfonsino), li riordino siccome il caso ha voluto, e, proprio come fai tu con le conserve (te l’ho detto che siamo affini ;), ne ricavo poesie quasi sempre meravigliose anche se un po’ incasinate, hahahaha.
Abito vicino a Gallarate, in un posto che si chiama Milano (hahahaha!): dammi il tuo indirizzo e ti scoverò, mio fiore tentatore Alfonso.

> lo sai che sei veramente bella? mi chiamo alfonso, vivo a gallarate, faccio il turnista in una piccola ditta che si occupa di conserve agro-alimentari. adoro scrivere, e adoro le ragazze piene di sentimenti come te. quelle ragazze sensibili, capaci di amare e vivere in piena armonia anche con uno storpio e senza denti come me.
> non spaventarti, in realtà dal vivo non si nota tanto.
> vuoi scrivermi, ogni tanto?
> un mazzo di rose rosse per te.
> ps: avresti una tua foto dal busto in giù? ;P
> con affetto
> a.

Nota: il mio amore per Alfonso non è esclusivo. Continuate a scrivermi, amici, adoro essere circondata da messaggi privati che blandiscono la mia femminea vanità.

Climacus

AGGIORNAMENTO: Flounder, timido eppur spregiudicato, si interroga sul significato del mio nick name

Cara Climacus,
girando per blog mi sono imbattuto nella tua fotografia. Sono rimasto folgorato. Credimi, non sono solito a questi approcci, e neppure vorrei che leggessi dietro le mie parole intenzioni fastidiose o una qualsiasi forma di piaggeria.
Io ho una laurea, cara Climacus, e anche una maturità classica.
Mi sono chiesto pertanto come mai una fanciulla così leggiadra abbia una desinenza in –us.
La dolcezza che sprigiona la tua foto non può farmi immaginare ciò che per un istante aveva occupato la mia mente.
Così ci ho pensato un pochino e alla fine ho concluso che appartieni alla quarta declinazione.
Quarta.
Raffinatissimo messaggio criptato.
Se solo volessi, potremmo incontrarci per un certamen.
Se invece no, amen.

Tuo Stefano.

Annunci

19 commenti

Lascia un commento
  1. Flounder / Feb 27 2006 2:49 pm

    siete belllissimi

  2. mrka / Feb 27 2006 8:44 pm

    marika dice di togliere quella maiuscola, altrimenti si sente ignuda e appesa in una piazza ricoperta da drappi di velluto rosso. sai, è una ragazza strana. dovrebbe venire qui, in ditta, ad assaporare il sapore delle conserve climacus, delle cose genuine. ( ho in mente una nuova etichetta per la gelatina di rosa, avrà il colore delle tue gote e il prepotente aroma della tua caviglia destra. sarà decorata con un rovo azzurrino, omaggio alle tue venuzze delicate, quelle che incorniciano la tua fronte all’alba, ricoperte di briciole e strade di lenzuola)
    con pudore.
    a.

  3. Climacus / Feb 28 2006 8:22 am

    grazie marika :) (il prepotente aroma della mia caviglia destra? lol)
    grazie flo, anche da parte di alfonso che sta facendo il turno di notte :)

  4. maury73 / Feb 28 2006 11:54 am

    copriti bene…che in norvegia fa freddo! ;-)

  5. Flounder / Feb 28 2006 1:51 pm

    clim, amore mio, ti ho scritto.

  6. Climacus / Feb 28 2006 7:14 pm

    La mia cameretta, Maury, è sicuramente la zona più fredda della Norvegia.

    Stefano, tu che sai lusingare tra le righe con affabile, ricercata astuzia e la ferma compostezza che si addice all’intellettuale rigoroso e appassionato, dammi un indizio che possa condurmi fino a te, perché non esiterò a percorrere le strade più anguste e persino i marciapiedi delle periferie più tetre per donarti il mio cuor.

  7. brezzamarina / Mar 1 2006 10:49 am

    non capisco piú chi é chi..ma siete fantastici..

  8. Flounder / Mar 1 2006 11:13 am

    oddio, che coincidenza. stamattina m’è arrivato un messaggio di un tal Stefano, mai coperto prima, blog mai visto prima.
    (il messaggio era un po’ hard, ma appena appena. hardino)

  9. Climacus / Mar 1 2006 12:50 pm

    Flo, giuro che quello Stefano non ero io. Com’è fatto un messaggio hardino?
    Esempio di messaggio hardino:
    Cara Flounderessa
    Tu mi ecciti.
    Buona giornata.
    Stefano
    Esempio 2
    Leggendoti, mia musa, trattengo a stento l’impulso che mi porterebbe a masturbarmi in ufficio, di fronte ai colleghi attoniti. La tua scrittura stimola le mie fantasie erotiche più ardite, perché è come se la tua voce mi sussurrasse all’orecchio, sensuale e misteriosa, le frasi più toccanti dei tuoi post e un alito caldo e umido, scivolandomi sul collo, mi provocasse brividi voluttuosi. Il desiderio implacabile di udire quella morbida voce mentre ti possiedo mi rende pazzo.
    Ti prego, dimmi ancora una volta che sono tuo.
    Stefano
    Esempio 3
    Non immagini quante volte mi sia destato in piena notte, con i pantaloni del pigiama madidi, soltanto perché in sogno ebbi l’ardire di massaggiarti i piedi e leccarti i polpacci. No, non puoi immaginarlo: ciò macchierebbe il candore della tua anima bella, mia amata Flounder.
    Già sento colarmi lungo le gambe il seme della passione. E’ bastato che il tepore dei miei sogni mi si ripresentasse ai sensi, ed eccomi nuovamente sconvolto dalla beatitutide e con i calzini umidi.
    Tuo,
    Stefano

    Ciao Brezzina :) Faccio casino anch’io. Comunque Terese (non pronunciare l’ultima ‘e’, mi raccomando) dovrei essere io (o dovrebbe essere me:)), marika è senz’altro alfonso, quello delle conserve, Flounder è Stefano. L’altro Stefano, quello con calzoni e calzini bagnati, è invece un fan di Flounder. Rido! Grazie per la visita, bellissima :)

  10. saltino / Mar 1 2006 1:22 pm

    Carini tutti e tre, vi siete ramazzati le palpebre con la lingua, adorabili!

  11. Flounder / Mar 1 2006 1:39 pm

    egli m’ha scritto:
    un saluto…
    profondo…
    molto profondo…

    dopodìk sono andata a vedere il suo blog e racconta di donne tutte nude in un convento che fanno delle cose un po’ da histoire d’o.

    così ho capito quanto era profondo il saluto, con tutti quei puntini che alludevano.

    salti’, in che senso?

  12. mrka / Mar 1 2006 3:05 pm

    maury è il corteggiatore vero?

  13. Climacus / Mar 1 2006 3:38 pm

    vuoi che mi pianti una scopa in culo e ti ramazzi tutta la stanza, Salti’?
    (buhahahaha!)
    Flo’, preferisco di gran lunga le polluzioni del mio amico eiaculatore precoce Stefano.
    Un saluto profondo riecheggia…
    marika, per causa tua non mi fido più ad usare le maiuscole. lo faccio in Modo casuale, frastornato da ansie e sensi di colpa. (pssss, maury non è il corteggiatore :) (“mi serve tempo. subito però.”)
    Ciao

  14. Climacus / Mar 1 2006 3:40 pm

    penelope, nella foto, diventa sempre più umana.

  15. Andylarock / Mar 2 2006 9:49 am

    gaaaaaa….

  16. Climacus / Mar 2 2006 12:37 pm

    Andy, maledetto erotomane, confessa! I messaggi che mi fecero sentire donna per un giorno sono dunque opera tua! Ho dilapidato la mancia settimanale per fare incetta di tampax. Per fortuna posso sempre rivenderli all’amico Inos…

  17. Andylarock / Mar 2 2006 4:07 pm

    Ne ne! Io non centro… mica c’ho due fette di qualsivoglia salume sugli occhi… buehehehe…

  18. Andylarock / Mar 13 2006 9:33 am

    Vabbè che siamo in quaresima, ma non avrai mica pensato di fare il fioetto di non usare internet per 40 giorni???

  19. Seymandi / Mar 25 2006 4:09 pm

    Ma io sono confuso…
    Climacus quella foto ha acceso i pantaloni di un pò troppa gente bloggante….che poi tu sei quella lì???

    Beh…dalla voce non direi…però è una bella foto. Adesso non dirmi che è vero sennò comincio a bagnarmi anch’io.
    Nota sul blog: se seymandi è un imbuto, climacus è un vibratore. Cristo, mai visto un blog così intelligente ed allo stesso tempo così bagnato…

    Ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: