Skip to content
giugno 26, 2005 / Climacter

Due storie che vi conquisteranno

(si sono inventati pure il post audio: il libero arbitrio è il risultato di una sfilza di teorizzazioni e trabocchetti logici che la teologia con i suoi apostoli ha prodotto al fine di confortare i postulati della teodicea, senza perciò riuscire nell’intento. Il post audio, così come il commento audio, è una delle prove sensibili e non inglobabili in una controteologia puramente teorica che, senza dimostrare, attestano con la loro subdola, strisciante presenza che il libero arbitrio è roba che può andar bene a un Robinson Crusoe strafatto di coca, non certo a un blogger che è rimasto venticinque minuti al telefono a scialacquare danari e scemenze per poi accorgersi che la registrazione delle suddette scemenze non supera il minuto e zeroun secondi)

Il signor Taddei che di nome fa Sigfrido e che tutti chiamano Frido alterando però la i, che il dialetto ghiottone della zona in cui vive e opera Taddei ha trasformato in e, ragion per cui è noto ai più come Fredo, nomignolo che ai più risulta essere la contrazione dialettale di Alfredo, sicché lo stesso Sigfrido non prova neppure a correggere chi lo saluta con un ‘Alfredo!’ e si firma come Alfredo, essendo Alfredo un nome assai meno nobile ma molto più musicale del nibelungo Sigfrido, sebbene Wagner se ne risentirebbe se fosse vivo e conoscesse Taddei Sigfrido; il signor Taddei Sigfrido non ha nulla di interessante che valga la pena raccontare, fatta eccezione per il nome e le permutazioni che tale nome certamente interessante hanno depauperato del proprio valore estetico, per renderlo così neutro e banale.

Mia cugina Franca ha deciso di abbandonare quel sistema intricato di relazioni, scambi, interazioni retribuite o gratuite in un ambiente così noto da sembrare un microcosmo ritagliato apposta per Franca, per costruire un nuovo intricato sistema di relazioni, scambi, interazioni in un luogo a lei quasi del tutto ignoto che sembra fatto su misura per Alberto.
Andando dunque a vivere da Alberto in Arizona (Stati Uniti d’America), con discreto rammarico del marito Stefano e dei figli Giacomo Patrizio Asia Filippo (Asia e Filippo sono gemelli monozigotici che non s’assomigliano per nulla, tanto che quando uno sta male, l’altra si sente al settimo cielo), mia cugina mi ha lasciato Saccoccio, il suo amatissimo gatto (Alberto odia i gatti, se proprio volete saperlo), un persiano albino di quindici chili che si nutre unicamente di Simmenthal tagliata sottile e che va matto soprattutto per la gelatina della Simmenthal, che lecca socchiudendo gli occhi, sollevando leggermente la testa e distendendo la coda e i baffi con supremo gaudio.
Ieri l’altro avevo un appuntamento importante con un mio vecchio amico che, finalmente, si era deciso a vendermi la sua sensazionale collezione di Calipta Phibrinalia, perciò, preso dalla fretta e dall’eccitazione, non ho versato la Simmenthal nella ciotola di Saccoccio, ma ho aperto per metà il barattolo, dimenticandolo poi sul tavolo in cucina. Quando sono tornato, ho trovato Saccoccio steso in una pozza di sangue, con un profondo taglio sul naso. Saccoccio aveva circa 22 anni al momento del decesso, per cui mi sono detto che il coperchio semiaperto e ultratagliente della Simmenthal non aveva nulla a che fare con la ferita mortale del povero gatto e che il naso si era lacerato per cause naturali legate all’età avanzata. A questo punto dovrei dare origine a un divertente gioco di parole tra età avanzata e carne (Simmenthal) avanzata, ma mi astengo dal farlo per rispetto del defunto.
I miei Calipta Phibrinalia sono semplicemente fantastici. Mia cugina, invece, è una troia.

Annunci

35 commenti

Lascia un commento
  1. Climacus / Giu 26 2005 12:51 pm

    Commento audio

  2. Arthurcravan / Giu 26 2005 1:00 pm

    daai non ci credo, ho beccato l’aggiornamento del tuo blog dal pannello di splinder.. adesso leggo, poi muoio.

  3. Arthurcravan / Giu 26 2005 1:07 pm

    ma sei tu che doppi ghezzi?

  4. Arthurcravan / Giu 26 2005 1:14 pm

    GRANDE CLIM! pensa che io ho due collezioni di Calipta Phibrinalia, tutte senza i palpi dissettiformi. sono felice di risentirti con due storie. ora muoio con simmenthal: “AH!!” (sflish)

  5. Climacus / Giu 26 2005 1:40 pm

    Cazzarola Arthur, mentre registravo il commento audio (mi sono fatto fregare una seconda volta, proprio per avallare inconsapevolmente le mie ipotesi contro il libero arbitrio), avevo un groppo di catrame in gola. Il catrame mi ha reso identico a Ghezzi, lo ammetto con supremo gaudio, distendendo la coda e i baffi. I miei Calipta hanno i palpi dissettiformi, maledetto! Dimmi quanto vuoi. Sono disposto a spendere qualsiasi cifra stilistica. Grazie :)

  6. ViperaVenerea / Giu 26 2005 1:50 pm

    Oltre a parlare come Ghezzi sai anche muovere la bocca fuori sincrono?
    (i palpi dissettiformi ormai ce li hanno tutti, i miei Calipta Phibrinalia sono pieni di ranfalli monosinoptici, me li invidiano anche all’estero)
    (povero gatto, però)

  7. Climacus / Giu 26 2005 2:27 pm

    Quel dannato gatto se la è cercata! (erano anni che volevo scrivere questa frase. Non so come potessi saperlo, cara Vipera Venerea, però mi hai permesso di realizzare un desiderio lungo quanto un tram)
    (i tuoi Phibrinalia sono simboli ranfallici)
    (non dire mai più che scrivo in modo musicale, che poi ci credo veramente e mi monto la testa a neve)
    (ora vengo a trovarti)

  8. tulipani / Giu 27 2005 8:31 am

    Ti adoro ancor prima di ascoltare il commento audio. Le storie mi hanno pienamente conquistata. E dire che ci ho provato a fare la dura. Però sono crollata come un budino di riso (ci vorrebbe la faccina, ma non sono tanto esperta e quindi temo che mi verrebbe fuori un budino di sorriso o magari un budino di broncio o di tristezza, e quindi nemmeno ci provo) proprio nel momento esatto in cui ho letto “Simmenthal tagliata sottile”.

  9. Climacus / Giu 27 2005 9:24 am

    Grazie Tulipanessa! Sai che non ho mai visto un budino di riso? Saccoccio ne andrebbe matto.
    Ricordo benissimo un vecchio spot della Simmenthal in cui una mamma convinceva la figlia anoressica a papparsi carne e scatola dicendole: “ma come, non vuoi una Simmenthal tagliata sottile sottile con tante verdurine come piacciono a te?”. Quello spot fu il precursore di tante altre reclame della Simmenthal che puntano sulla divinizzazione della mamma per convincere il consumatore italiano mammone che la Simmenthal non è una merda. “La mamma è sempre la mamma, la Simmenthal è sempre la Simmenthal”: la mamma non ci propinerebbe mai della carne in scatola per gatti, di conseguenza mangiate la Simmenthal anche se fa schifo e puzza assai, perché la mamma sa sempre che cosa è buono e giusto per voi.
    Dirò che tra il 1988 e il 1989, a causa di mia madre, ho fatto largo consumo di carne Simmenthal, trangugiandola direttamente dalla pericolosa lattina, dopo averla ridotta in poltiglia con colpi decisi di forchetta. Ciò che trovavo più aberrante della Simmenthal era per l’appunto la gelatina, che non è mai trasparente come si vede in tivvù ma biancastra e repellente.
    Ho avuto modo di osservare che i gatti, invece, adorano la gelatina. La mia gatta, per esempio, con la zampetta prensile riusciva ad estrarre la carne dal barattolo per poi leccare in visibilio la gelatina rimasta sul fondo. La carne così estratta, veniva abbandonata sul pavimento del cortile fino a quando non germinava primitive appendici peduncolate atte agli spostamenti. Posso assicurare d’aver più volte osservato mucchietti di Simmenthal dirigersi con infallibile istinto suicida verso la strada, attraversando faticosamente il giardino, e sulla strada sostare in attesa di essere travolti dal furgone dell’impresa edile Gorini e Caprarica, guidato dal mio amico d’infanzia Morgan, che tuttora crede di aver fatto strage di ricci.

  10. Climacus / Giu 27 2005 9:28 am

    Commento audio

  11. Climacus / Giu 27 2005 9:31 am

    Cazzo, aiutatemi a smettere

  12. Flounder / Giu 27 2005 3:51 pm

    clim, sei tornato al meglio di te.
    un giorno ti lascerò un commento audio. vuoi che ti canti somewhere over the rainbow?

  13. Climacus / Giu 27 2005 6:14 pm

    Grazie Flounderessa. Se sono tornato fico è solo grazie a Saccoccio cui, purtroppo, sono rimaste sette vite e mezzo. Non dovrei abusare della sua scorta di vite, ma sento che lo ucciderò altre 7 volte e mezzo, magari in una volta sola, con un deciso giro di vite.
    Ricordo bene quando mi dicesti che non ti piacciono gli aggettivi, perciò, per farmi bello ai tuoi occhi, ne ho limitato l’uso. Io ero uno di quelli che raddoppiavano o, addirittura, triplicavano sistematicamente gli aggettivi, pensa un po’ te. A Tulipani, invece, non piacciono gli avverbi. Marika odia i verbi in -ire, Michele detesta i sostantivi di origine greca consegnatici dal latino medievale, Elena non ama i pronomi, Arthur inveisce contro i punti e virgola e i puntini di sospensione, io non sopporto gli esclamativi, Agrodolce schiva le interiezioni, ecc.
    Ciao e di nuovo grazie :)
    (Mk trova che le faccine siano disdicevoli, Debbie ha abolito il gerundio, Eddie le lettere maiuscole, Eka disprezza le ipotetiche, Netta rifiuta le parole sorte da epentesi, ecc.)

  14. Climacus / Giu 27 2005 6:15 pm

    Ti prego, cantamela!

  15. saltino / Giu 27 2005 6:28 pm

    Perchè troia povera Francugina… se ha lasciato figlie/i e beni mobili ed immobili, lì dove li aveva trovati, lasciala ritrovarsi in pace. Che male ha fatto questo è libero, vero, onesto, arbitrio…

  16. Seymandi / Giu 27 2005 6:41 pm

    Bentornato a Climaco!
    Dunque:
    1. complimenti esasperati per i commenti audio. Sono pericolosi, saltano e portano scompiglio, mentre parli nell’altro emisfero cade un soprammobile e viceversa, (quindi, rendiamoci conto, mentre cade un soprammobile nell’altro emisfero, tu qui parli…). La voce-è vero-ricorda molto Enrico Ghezzi. Infatti sono io.

    2. Sono molto curioso di ricevere tuoi commenti-anche in qualità di ghezzi-riguardo i film che io e Arthur Cravan abbiamo messo online. Sospetto che non gli abbia ancora visti. In tal caso, pronto a rimetterli online o ad inviarteli via e-mail (disponibili x una settimana).

    3. Taddei/Sigfrido ecc lo conoscevo anch’io. Credo che ora viva a Eurodisney con Mauro Repetto.

    4.Il gatto: splatter al momento giusto. Geniale!

  17. e.l.e.n.a. / Giu 27 2005 7:14 pm

    confesserò un tremendo misfatto perpetrato ai danni di una mia compagna di classe. un pomeriggio che venne a studiare a casa mia le preparai un panino in cui misi ingredienti a caso (pasta d’acciughe, marmellata, sottiletta e..) simmenthal… le dissi. non era simmenthal. erano bocconcini di kitekat del gatto. lei mangiò avidamente dinanzi ai miei occhi. io immaginavo avrebbe sputato tutto al primo morso invece no. disse che era “strano” ma buonissimo. le confessai che non era simmenthal ma kitekat. anche perché io non ho mai mangiato né avuto scatolette simmenthal in casa mia. lei in tutta tranquillità mi disse che il kitekat era MOLTO meglio della simmenthal. la gelatina schifosa a me pareva la medesima. ora non statevi a chiedere perché io abbia fatto questo, ma l’ho fatto davvero.

    clim e con questa sono due le cose che non ho mai raccontato a nessuno. sei diabolico.

    tornando alla simmenthal, ora non solo la maledetta scatoletta è una merda, ma anche la mamma è una merda ché anziché cucinare cibi sani (la scatoletta poteva tollerarsi in casi di emergenza per mamma straimpegnata e trafelata lavoro/casa/marito/figli) ora non fa un cazzo e gliela fa rifilare dalla tata/governante (essì, perché oggi tutte le famiglie possono permettersela)…
    (n.b. :la governante è rigorosamente bruttina sennò il marito s’ingrifa)
    ma che bel ritrattino di famiglia italica !!!

    da ultimo e poi me ne vado, clim…
    amo il fatto che tu abbia usato per me la negazione del verbo amare… :)

  18. Flounder / Giu 27 2005 7:53 pm

    intanto ti consiglio la versione di uno che si chiama Israel Kamakawiwo, è bellissima

  19. e.l.e.n.a. / Giu 27 2005 8:00 pm

    ..ha ragione flounder… devi ascoltarla…è più che bellissima…

  20. anonimo / Giu 28 2005 10:51 pm

    non è che non amo le maiuscole, è solo che la mia religione mi permette di usarle solo durante la sacra festa di okhrat, che cade il 18 novembre e si rialza subito dopo (a meno che il ramarro in terza casa non sia allineato con alnilak, che allora la festa si sposta al 3 febbraio, oppure a meno che il sacro frullatore emetta vibrazioni tantriche a 2 velocità, nel qual caso la festa si tiene il 27 agosto, oppure a meno che la festa del giorno ameno sia mercoledì)mi piacciono le religioni complicate, e allora?eddie

  21. anonimo / Giu 28 2005 10:54 pm

    perchè sopra un comento audio c’è scritto “commento audio” e sopra un commento video non c’è scritto “commento video”? lo trovo ingiusto.a dire la verità trovo ingiuste altre cose, ma in effetti non è che ci possa fare granchè.eddie vol. 2

  22. anonimo / Giu 28 2005 10:56 pm

    communque scusa, dovresti scrivere più spesso invece di lasciare commenti audio con la voce di ghezzi. (ma come crollano i budini di riso?)eddie reloaded

  23. junior / Giu 29 2005 3:05 am

    io ho visto dei buddini di riso che anzichè crollare rimanevano seduti.
    elena sei un mostro.

  24. e.l.e.n.a. / Giu 29 2005 12:24 pm

    ahhhhhhhhh… junior mi ha dato del mostrooooo… :(((

    (un pochetto sì…)

  25. mrka / Giu 29 2005 7:49 pm

    ah, fra l’altro, nella missiva privata mi sono scordata di dirti che pure io ho una cugina troia. mi sembrava una grave dimenticanza.
    -marika-

  26. Climacus / Giu 30 2005 2:14 pm

    Tutti quanti hanno una cugina troia e, parlo dei maschietti, un cuggino che da piccolo una volta è morto, che è caduto in motorino e quando si è tolto il casco gli si è aperta la testa in due, che è stato sequestrato mentre usciva dalla disco e si è ritrovato abbandonato in un fosso senza un rene, che ci ha insegnato come ci si masturba. Non so se essere grato a mio cuggino oppure odiarlo. Ad ogni modo, lui è rispettato.
    Saltino, so di contraddirmi dannatamente, ma io non ho cugine troie. La cuggina troia è un parto della mia fantasia misogina: è la cuggina che quando ero piccolo mi ha fatto vedere la passerina, sicché sono subito andato da mio cuggino per farmi spiegare come ci si masturba e, dato che la masturbazione mi ha rovinato, ora si trova a pagare il fio della sua primigenia colpa, ché una passerina non si mostra mai impunemente. Troia!
    I miei Calipta hanno di recente sviluppato dei rudimentali cercitelli mitocondriali genicolati. Ho provato a fumarmeli e sono diventato fluorescente. Lo so, scrivo come fossi un ubriaco o un anassimandro tradotto da heidegger e successivamente da Bruno Pizzul, ma sono sobrio, soltanto un po’ accaldato. Il fio, la primigenia colpa: tutta roba pizzuliana.
    Seymandi, accetterò di visionare i tuoi filmati solo se sono splatter o porno, e se la mia faccia, come quella di Hitchcock, compare in ogni video per un decimo di secondo. Altrimenti li guarderò in ogni caso. Oppure li guarderò comunque, scegli tu. E che sia la scelta giusta, data l’importanza della scelta, mi pare doveroso nei miei riguardi, non soltanto nei tuoi, invece. Infatti ho pensato bene di non avvertirti, perciò siamo intesi: se esce un numero dispari, d’altronde, vinci tu; d’altro canto vinco io. La chiarezza prima di tutto, poi chissà…
    Elena; dice mio padre, cui non darei credito, che il cuore di Coppi non superava mai le sessanta pulsazioni, neppure durante quelle salite che vomiti soltanto a guardarle. Neppure quello di Hannibal Lecter mentre divorava l’infermiere che gli faceva l’E.C.G. Ecco, quello che voglio dire, è che il tuo cuore è un po’ Coppi e un po’ Bartali, ma anche un po’ Lecter. E Junior, ne sono certo, non avrebbe nulla da ridire, se non che indosserà un maglione antipanico quando vi incontrerete. Dovevi voler molto bene alla tua compagna di classe. Comunque non ti biasimo, perché queste cose si fanno molto spesso da bambini. Chi non ha mai bevuto del piscio, perché qualche simpatico ragazzino aveva urinato nella sua bottiglietta di birra? E’ per questo che ho rinunciato alla professione di educatore. Non mi lasciavano bere birra.
    Eddie non vuole confessarlo perché gli sembrerebbe un atto di bullismo intellettuale, ma conosce i nomi di tutte le divinità hindù e persino indirizzi e numeri di telefono. I buddini di riso crollano solo ad opera dei Talebani. Cazzo, questa è brutta e decisamente bastarda, però ormai l’ho scritta e non mi azzardo a ritrattare, così potrete avere informazioni aggiuntive sulla mia personalità insolente e miserabile.
    Ascolterò Kamakawiwo, Flo’, tra un piccolo tsunami esistenziale e l’altro. Ora scappo. Ciao e grazie a tutti :)

  27. saltino / Giu 30 2005 2:50 pm

    Fantasia o realtà, troia o solamente ubriacona e bislacca, pietosamente bislacca… tua cugina non può togliere nulla alle mie rimostranze su quel che avevi scritto. Chi scappa deve farlo a piedi nudi, come fosse in un parco, non quello di Gorky che deve essere di un freddo pauroso anche in questa stagione… chi si trascina la cassaforte, viene beccato e non scappa da nessuna parte, troia o non troia, abbastanza chairo o svito il tappo del Rhotring?

  28. Seymandi / Lug 1 2005 11:51 am

    La chiarezza in primis, Clim. Infatti te li manderò per e-mail, visto che non ho il tuo indirizzo. Oppure puoi scaricarli dal blog, disponibili per una settimana, molti già “scaduti”. Quindi avremo modo di non vederli. Però se vuoi visionarli, una soluzione non si trova…

  29. TirNanOg / Lug 1 2005 12:22 pm

    …finalmente…una voce!!!

  30. Andylarock / Lug 1 2005 5:00 pm

    A Saccoccio potrebbero essere rimaste 6 vite e mezza. Non rimembri dall’alto delle tue memorie che investii un tuo gatto (magari proprio Saccoccio) con la Uno Bianca e che guardando nello specchietto retrovisore perplesso e mascellabavosamenteimmobile lo vidi risollevarsi e fuggire alla faccia di tutti quei dannati film horror da due soldi???

  31. fuoridaidenti / Lug 11 2005 2:48 pm

    Hey clim, ciao! (tutto qui)

  32. e.l.e.n.a. / Lug 13 2005 9:42 am

    Clim!!!
    in nome di faustogino&hannibal… palesati che mi spezzi i cuori….

  33. ViperaVenerea / Lug 16 2005 1:42 am

    Ehi, Clim, sarebbe mica ora di aggiornare il blog?

  34. eddiemac / Lug 16 2005 2:59 pm

    perchè tu e tulipani sparite sempre in questa maniera? (questo è un commento incrociato)

  35. Climacus / Lug 18 2005 11:12 am

    Oggi lo aggiorno, sì sì sì sì :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: