Skip to content
marzo 21, 2005 / Climacter

L’osteria del Gino (nuga)
 
[Gino portami un bicchiere di quello forte come lo vuoi rosso o bianco se dico forte tu cosa capisci rosso che ti prenda un cànchero lo vuoi frizzante o fermo se lo vuoi con le bollicine posso sputarci sopra Gino smettila di prendermi per il culo dammi un frizzantino (per quella vacca di tua sorella) va bene il Barbera preferisci un Lambrusco ho un Bonarda imbottigliato dal Tilio che risuscita i morti (tio cane)Tilio chi il figlio di Sandro il cognato del Vandro quello che raccoglie cianfrusaglie tirandosi dietro un barroccino legato alla bici ma vai a cagare Attilio quello che vende le uova quello che ha un figlio muratore che l’anno scorso ha fatto un incidente in macchina e per poco non ci ha rimesso una gamba tanto che zoppica ancora è chiaro sì ora ho capito il Tilio quello che abita vicino al meccanico sua moglie poveretta dicono che stia per tirare le cuoia esatto povera donna ha faticato per tutta la vita come una dannata e adesso il Signore le ha mandato una malattia incurabile è proprio una famiglia sfortunata tio porco già facciamo così Gino portami un bicchiere di Lambrusco per favore.
Ai suoi ordini, signor Bertani.]
 
 
 
-Gino, at portèm en biciér de quèl fòrt.
-Cùma al vòet, ròs o bianc?
-S’at dìsi fort, ti ‘sa capìset? Ròs, at vègna ‘n càncher!
-At’l vòet ch’al fa’ li bóle o sànsa ‘t bole? S’al voet coi boli at spùdi dènter…
-Gino, mùchela lé d’at tèm par al cul. Sà chi en frisantèn (ch’ la vàca at to surèla).
-El barbera uàl bèn? Preferìset en lambrusc? At gò èn Bonarda ‘mbutiglia’ dal Tilio ch’at resuscita i morti (tìo cane).
-El Tilio? Chi, el fiöl del Sandro? So cügna’ del Vandro? Quel ch’at càta sü el rùt col birucìn tacà at’la bicicléta? 
-Ma va a caghèr! Attilio, quel ch’al uènt gl’öf… che su fiöl , ch’al fa ‘l pìcol, l’atr’ àn al ga fat l’inzdént en màchina che’l ghe mancàt nînte ch’al perdìva la gamba e adès al va amò sòp… At me capìt!
-Ah, certo ch’at go capi’! El Tilio, quel ch’al stà visìn al mecànic, che so muèr, poaréta, i dis che l’è ‘drè ch’la tira iùltim.
-Propria, póera dóna. Tzèmper at tribula’ cùma ‘na danàda e indès el signùr al ga sbatì zó ‘n brüt mal.
-At l’è v’üna famìa disgrasiàda, tio porco…
-Propria.
-Pòrtem el lambrusc, va là Gino…
-Ai suoi ordini, sior Bertani.
 
-Gino, portami un bicchiere di quello forte…  
-Come lo vuoi, rosso o bianco?
-Se dico forte, tu cosa capisci? Rosso, che ti prenda un canchero!
-Lo vuoi frizzante o fermo? Se lo vuoi con le bollicine, posso sputarci sopra…
-Gino, smettila di prendermi per il culo. Dammi un frizzantino (per quella vacca di tua sorella).
-Va bene il Barbera? Preferisci un Lambrusco? Ho un Bonarda imbottigliato dal Tilio che risuscita i morti (tio cane).
-Tilio chi? Il figlio di Sandro? Il cognato del Vandro? Quello che raccoglie cianfrusaglie tirandosi dietro un barroccino legato alla bici?
-Ma vai a cagare! Attilio, quello che vende le uova… quello che ha un figlio, muratore, che l’anno scorso ha fatto un incidente in macchina e per poco non ci ha rimesso una gamba, tanto che zoppica ancora. E’ chiaro?
-Sì, ora ho capito. Il Tilio, quello che abita vicino al meccanico… Sua moglie, poveretta, dicono che stia per tirare le cuoia.
-Esatto, povera donna… Ha faticato per una vita intera come una dannata e adesso il signore le ha mandato una malattia incurabile.
-E’ proprio una famiglia sfortunata, tio porco.
-Già.
-Facciamo così, Gino: portami un bicchiere di Lambrusco, per favore.
-Ai suoi ordini, signor Bertani.
Annunci

16 commenti

Lascia un commento
  1. all / Mar 21 2005 11:40 am

    uno anche per me, grazie

  2. Climacus / Mar 21 2005 12:02 pm

    se permetti, All, ti porto un bicchiere del Bonarda del Tilio :)

  3. Ekatherine / Mar 21 2005 1:07 pm

    per me lambrusco analcolico, ho lo stomaco che fa contatto col ginocchio.

    (adoro le nugae)

  4. Climacus / Mar 21 2005 1:38 pm

    ai suoi ordini, bèla putlèta :) (io adoro chi adora le nugae) (che dici, Eka, la parte in dialetto è leggibile oppure si rischia di stramazzare al suolo dopo tre righe?)

  5. Arthurcravan / Mar 21 2005 1:42 pm

    Mi permetto di aggiungere altre due versioni proposte dal traduttore automatico di google che ci regala perle quali “take me for the culo” e “donna esatta e povera”

    – Gino, portami a glass of that fort…
    – As you want it, red or white man?
    – If I say strong, you what understand? Red, than he takes a canchero to you!
    – you want frizzante or firm? If you want it with the bollicine, I can sputar us over…
    – Gino, you stop it to take me for the culo. They give a frizzantino to me (for that one vacca of your sister).
    – Goes well the Barb one? You prefer a Lambrusco? I have a Bonarda bottled from the Tilio that risuscita the dead men (tio dog).
    – Tilio who? The son of Sandro? The brother-in-law of the Vandro? What it collects cianfrusaglie pulling itself behind a handcart legacy to the bici?
    – But you go to cagare! Attilio, what it sells eggs… what has a son, mason, than the past year it has made an incident in machine and in order a leg has little not replaced us, a lot that zoppica still. Clear E’?
    – Yes, hour I have understood. The Tilio, what it close inhabits the mechanic… Its moglie, poveretta, says that it is in order to pull the cuoia.
    – Exact, poor woman… She has faticato for an entire life as damned and now a getlteman has sent them one incurabile disease.
    – E’ just one ill-fated family, tio lousy.
    – Already.
    – We make Therefore, Gino: portami a glass of Lambrusco, please.
    – To its orders, Mr. Bertani.

    – Gino, portami un vetro di quel fort…
    – come voi desideri esso, l’uomo rosso o bianco?
    – se dico forte, voi che cosa capiscono? Colore rosso, che prende un canchero voi!
    – voi desiderili il frizzante o ditta? Se lo desiderate con il bollicine, io latta sputar noi eccedenza…
    – Gino, lo arrestate per prenderlo per il culo. Danno un frizzantino me (per quel un vacca della vostra sorella).
    – va bene la sbavatura una? Preferite un Lambrusco? Ho un Bonarda in bottiglia dal Tilio quel risuscita gli uomini guasti (cane da tio).
    – Tilio chi? Il figlio di Sandro? Il brother-in-law del Vandro? Che cosa raccoglie il cianfrusaglie che tira in se dietro un’eredità del handcart al bici?
    – ma voi vada a cagare! Attilio, che cosa vende le uova… che cosa ha un figlio, mason, che l’anno scorso ha fatto un avvenimento in macchina e nell’ordine un piedino ha piccolo non sostituito noi, mólto quello zoppica ancora. E Libera ‘?
    – sì, ora ho capito. Il Tilio, che cosa vicino abita il meccanico… Il relativo moglie, poveretta, ad esempio che è per tirare il cuoia.
    – donna esatta e povera… Ha faticato per un’intera vita come maledetto ed ora un getlteman ha trasmesso loro una malattia incurabile.
    – E ‘appena una famiglia ill-fated, tio lousy.
    – già.
    – facciamo di conseguenza, Gino: portami un vetro di Lambrusco, per favore.
    – ai relativi ordini, sig. Bertani.

  6. tulipani / Mar 21 2005 1:53 pm

    Bisognerebbe ascoltarlo. Se lo registri ti do un posto dove metterlo. L’unica condizione è che il barbera e il bonarda diventino la barbera e la bonarda. Sono cose che noi piemontesi ci teniamo.

  7. e.l.e.n.a. / Mar 21 2005 2:05 pm

    esatto!… concordo con tulipani…

  8. Climacus / Mar 21 2005 2:38 pm

    Ehi, Arthur, ‘Tio dog’ e ‘its moglie, poveretta, says that it is in order to pull the cuoia’ mi hanno ucciso. Ho bisogno di un depressivo.

    Tulip e Elena, con la Barbera non può mancare la Gorgonzola, mentre il Barbera può stare da solo: sembrerà una cazzata, ma io sono un maniaco dei particolari. E poi ‘sta cosa dovrei farla recitare a due vecchietti di Quistello, dove si parla mantovano ‘stretto’: il problema è che a Quistello non ci so arrivare… (gli accenti non danno un’idea del suono delle parole?)

  9. junior / Mar 21 2005 3:26 pm

    mi hai fatto venire voglia di scrivere un post sulla presciutta.
    (io però ho letto solo la parte ini tagliano)

  10. reme / Mar 21 2005 5:46 pm

    io pure ho letto solo quella initaliano.

  11. Ekatherine / Mar 21 2005 6:25 pm

    io adoro il dialetto, sto tornando dialettofona, quindi.

  12. Climacus / Mar 21 2005 10:48 pm

    Leggere unicamente la parte in italiano è uno sgarbo che vi perdono soltanto perché vi amo. Ho faticato come un buco di culo per mettere le dieresi su o e u e selezionare accenti gravi, acuti, circonflessi. Anche gestire la complessità della storia, i numerosissimi personaggi, gli infiniti colpi di scena e, soprattutto, mantenere l’imparzialità della voce narrante nonostante gli scarti temporali, i cambiamenti umorali, lo sviluppo psicologico, il precipitare nell’intreccio, la deriva metanarrativa, il salto dalla terza persona singolare alla prima plurale, l’afonia, è stato faticoso…
    Grazie della visita, Reme e Junior :)

    Eka, io credevo che parlassi latino con gli amici e aramaico con il tuo (invidiatissimo) coniuge. E’ bellissimo saperti dialettofona :))

  13. lacontadina / Mar 22 2005 9:06 am

    pensa sei diventato comprensibilissimo anche per me. Pensa un pò.

  14. Fedelma / Mar 22 2005 1:40 pm

    Visto che la cavi egregiamente con la linguistica in genere che ne diresti di darmi un aiuto a capirci qualcosa con lo schema di fonetica che ho sotto le mani da due terrificanti anni accademici? Nun ce la fasse chiù!
    Fed

  15. Climacus / Mar 22 2005 3:19 pm

    Fed, io sono un patetico principiante della linguistica con molta faccia tosta e una sporta di buona volontà. Conosco però persone che potrebbero davvero aiutarti, se soltanto fossi un po più precisa… :)

    Mk, io per te sono un libro aperto, anche quando sono stanco e mi esprimo a mugugni oppure quando sono euforico e mi esprimo per onomatopee :)

  16. Ekatherine / Mar 22 2005 7:34 pm

    la grafia purtroppo balla alquanto, ma ti assicuro che il substrato gallico vive e lotta con noi (anche se i miei -supposti- antenati celti non avrebbero mai detto “vàca ‘l treno”, al massimo “vàca ‘l petorritum”)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: